Mosè Santamaria è un cantautore che ha ascoltato tanto Franco Battiato e Juri Camisasca, ma non è che ha creduto proprio a tutto quello che gli dicevano. Poi ha letto Jodorowsky, Gurdjeff e gli Esseni e a questi (forse) ha creduto un po’ di più.

2Ad un certo punto della sua vita avrebbe potuto pure diventare un eremita, invece ha deciso di fare un disco pop, un disco pop da cantautore cosmico, e di intitolarlo “#RisorseUmane”.

Il suo disco Mosé Santamaria l’ha affidato alle mani esperte di Martino Cuman (Non Voglio Che Clara) e insieme a lui l’ha rivestito di chitarre e di intelaiature elettroniche ricche di beat digitali, synth analogici, squarci astrali; sebbene “#RisorseUmane” lo potresti suonare dall’inizio alla fine solo con la chitarra acustica.

Perché in fondo le canzoni di Mosé Santamaria stanno sempre in bilico sui limiti che separano i generi, le influenze, gli immaginari e le percezioni più disparate. Si nutrono dell’ambiguità lucente e ironica di chi sta sui confini e vaga in ricerca di sé con un sorriso di scherno sempre pronto ad essere sfoderato. Tutto sommato i suoi brani non sai bene come prenderli o cosa aspettarti e proprio come i tarocchi sanno sorprendere e dirti qualcosa di Altro.

Sono mistiche ma di un “misticismo quotidiano” – come ama definirlo lui – che guarda al cosmo di cui siamo fatti, alla terra madre generatrice e pure al bar dello straPaese italiano. Sono ambientate in provincia ma anche a Genova, che per Mosè è una specie di Gerusalemme, una città esoterica invasa dai centri commerciali dove il mare non si vede più e nessuno va a trovarlo. E poi citano la poesia ma anche l’immaginario più popular, sono serie ma anche terribilmente sarcastiche, hanno una loro leggerezza ma quando non lo diresti mai ti porgono una verità che è interamente tua. E non fa nulla se magari stanno semplicemente parlando d’amore oppure della prostituzione, del colonialismo di quartiere portato dalle multisale e dai mall, della gente di provincia che crede di essere stata rapita dagli alieni, dell’assenteismo alle urne, della xenofobia e della religione.

Questa sua verità Mosè non la cala dall’alto, non ha nulla di new-age, anzi. E’ un’esortazione a tornare ad essere “#RisorseUmane”, a “risorgere” e convertirsi da unità produttive-consumatrici a esseri cosmici, svegli, radicati nel qui e ora della materia. E’ un invito a tornare uomini e quindi ad essere “Come gli dei”.

Potreste scambiarlo per un monaco cenobita postmoderno Mosè Santamaria. Oppure per il beffardo proprietario di un Magic Shop 2.0. O ancora per un seguace del PNL o della metagenealogia. Ma nessuna di queste figure incollate su di lui risulteranno del tutto false e o del tutto vere. E alla domanda se questo cantautore pop cosmico ci fa o ci è noi non possiamo fare altro che rispondere che Mosè Santamaria molto semplicemente va. Anzi vaga: “E vagheremo come milanesi in vacanza / Per il Porto Antico alla ricerca di una terra santa / Con la speranza che un Giuda Sincero / Da Sotto Ripa ce la benedica / Tra un bicchiere di vino e un panino, / come gli dei”.

Crediti

Prodotto da Martino Cuman
Parole di Mosè Santamaria
Musiche di Mosè Santamaria con la collaborazione di Martino Cuman e Marcello Batelli

Marcello Batelli: chitarre elettriche, chitarre acustiche
Fabio Brugnoli: flauto traverso
Nicola Ciccarelli: batteria
Martino Cuman: basso elettrico, piano, programmazione, rhodes, sintetizzatori

Mosè Santamaria: voce

Registrato da Matteo Franzan e Martino Cuman con l’assistenza di Enrico Bellaro
Mixato e masterizzato da Matteo Franzan
Studio di registrazione: Bass Department Records – Verona

Edizioni Musicali Bass Department Records

Biografia

Mosè Santamaria, cantautore mistico quotidiano, nato nel 1983 d.C. a Genova svezzato a Talking Heads, Depeche Mode e The Cure.

Folgorato un pomeriggio a rientro a casa dall’asilo da “La voce del padrone” di Franco Battiato, comincia ad ascoltare le cassette sotto i sedili della R4 rossa dei genitori e i vinili riposti sopra le mensole in salotto, così in alto e sacri, come reliquie in un tabernacolo, un vero e proprio catechismo del cantautorato e del rock ’70 – ’80.

Un percorso di iniziazione onnivoro, la cui peculiarità è quella di confluire espressioni artistiche, mistiche e politiche differenti in un unico bazar di parole, immagini e suoni in un epoca benedetta dal “touch screen”.

Durante gli anni dell’università partecipa ad alcuni contest su Genova e Provincia per poi aprire diversi concerti di artisti locali come Claudia Pastorino e Acustico Medio Levante; ma il vero “battesimo del fuoco” avviene nel 2009 quando comincia a farsi le osse con i primi live nei circoli e nei locali della zona.

Nel 2011 si trasferisce a Verona e grazie a una manciata di esibizioni e comparsate incrocia Martino Cuman (Non Voglio che Clara) e Marcello Battelli (Teatro degli Orrori) coi quali collabora per la produzione artistica del suo Primo album: #RisorseUmane.

Link

FB: https://www.facebook.com/mosesantamaria

Web: http://www.mosesantamaria.it/

SoundCloud: https://soundcloud.com/mos-santamaria

BandCamp: https://mosesantamaria.bandcamp.com

Contatti

Macramè – Trame comunicative

info@macrameufficiostampa.it

Luca Barachetti

luca@macrameufficiostampa.it

349.6106668

Corrado Maffioletti

corrado@macrameufficiostampa.it

328.3691845